lunedì 28 giugno 2010

gerarchie razziali

Nel modo c'è una gerarchia rigidissima, una gerarchia razziale. la civiltà più elevata è quella anglosassone; poi quella tedesca, quella francesce, i russi, il sud Europa, latini e greci, punto di giunzione tra i bianchi e i non bianchi. Poi, gli asiatici. Poi, gli africani e i primitivi in genere.
E' ancora così. Le persone che dominano il pianeta sono tuttora immerse in questa forma mentale e in questa visione del mondo. L'aura di cività ospite si rifrange sugli immigrati, così un africano o un asiatico che occupa un posto di responsabilità, che si è "integrato", mi guarda giustamente dall'alto in basso. In fondo, noi (italiani, ndr) applaudiamo quando atterra l'aereo.

Wu Ming - Grand River -un viaggio

1 commento:

Blueberry ha detto...

Hai proprio ragione, grazie per questo attimo di riflessione, un abbraccio!